L’agevolazione IMU/TASI per gli immobili concessi in comodato spetta anche per il contribuente che possiede, oltre alla propria abitazione principale e a quella concessa in comodato alla figlia - entrambe ubicate nello stesso Comune, anche un terzo immobile in nuda proprietà. Il contribuente è soggetto passivo IMU/TASI solo con riferimento a due abitazioni, non rilevando quella di cui ha la nuda proprietà. Per quest’ultima il soggetto passivo è l’usufruttuario. Lo ha chiarito l’IFEL nelle risposte ai quesiti sulle novità introdotte dalla legge di Stabilità 2016.

L’IFEL ha raccolto in una nota del 24 febbraio 2016 le risposte ai quesiti sulle disposizioni in materia di entrate introdotte dalla legge di Stabilità 2016. I chiarimenti resi riguardano, in particolare, l’agevolazione IMU/TASI per gli immobili concessi in comodato: in base alla legge n. 208/2015, in caso di cessione dell’abitazione in comodato ai familiari trova applicazione la riduzione del 50% della base imponibile.
Leggi tutto - Fonte